premio capo d'orlandopesce fossilemuseo mineralogico campano
Ricerca nel sito
Partners
con l'alto patrocinio di UNINA
Regione Campania Settore Musei e Biblioteche
Citta di Vico Equense
Azienda Cura Soggiorno Turismo di Vico Equense
Il Premio Capo d'Orlando
 
Scientificamente comunicativo
La storia

Il Premio Capo d’Orlando è intitolato alla località costiera del Comune di Vico Equense ubicata nella parte orientale del territorio cittadino nell’area confinante con il Comune di Castellammare di Stabia.
L’idea del riconoscimento risale all’estate 1998 quando il Dr.Umberto Celentano, direttore del Museo Mineralogico Campano, lesse sul mensile “Nature” l'articolo dedicato allo Scipionyx Samniticus, il fossile di piccolo dinosauro, popolarmente chiamato "“Ciro”, scoperto a Pietraroia (Bn). In questa località del Sannio a partire dal XVIII secolo sono stati rinvenuti pesci fossili del Cretaceo simili a quelli di Capo d’Orlando. Da qui la menzione nella prestigiosa rivista dello località vicana e dei suoi reperti paleontologici.
Dopo aver ricevuto l’adesione del celebre paleontologo Philip J.Currie per la sua conferenza sui dinosauri alati rinvenuti in Cina, tenuta nel marzo 1999 in occasione della prima edizione del riconoscimento,  il Dr. Umberto Celentano propose alla Fondazione Discepolo l’istituzione del premio, il cui simbolo è uno dei pesci fossili di Capo d’Orlando riprodotto su una targa in argento.

Capo d'Orlando

separatore

Tra i primi scienziati che hanno descritto i pesci fossili di Capo d’Orlando c’è il naturalista Filippo Caulino, napoletano di origine vicana. A lui si devono interessanti >>>


La successione stratigrafica di età cretacica in facies di piattaforma carbonatica del Carosiello di Montaro, al versante sud-occidentale del Capo d’Orlando >>>

separatore

XIX Edizione Premio Scientifico Capo d'Orlando 5 Maggio 2017

w3c xhtml w3c css